Stampa

Cairn Terrier

Posted in Cani

Perché è importante conoscere lo Standard della razza?
Il Cairn Terrier è, fortunatamente, una razza ancora molto sana e robusta, e per rimanere tale è fondamentale che mantenga una struttura corretta ed armoniosa. Tuttavia, il soggetto perfetto non esiste e anche il più grande campione non è privo di difetti. Quindi nessun allevatore potrà mai garantirvi un cucciolo così! L'unica cosa sicura è che un cane con dei grossi difetti di costruzione avrà, con molte probabilità, dei grossi problemi di movimento in vecchiaia in quanto le sue angolature sbagliate lo avranno portato ad un'usura precoce delle sue articolazioni.

Che cos'è uno standard?
Ogni razza riconosciuta ha uno standard, che descrive l’aspetto generale, il temperamento e le diverse caratteristiche morfologiche della specifica razza. Naturalmente non esiste nessun soggetto perfetto nella realtà, tutti i cani hanno qualche difetto, ma tale descrizione rappresenta “la legge”, al quale gli allevatori della razza dovranno fare riferimento, mirando d’allevare dei cani che si avvicinano il più possibile alla descrizione. Inoltre anche i giudici fanno riferimento a queste "regole" quando giudicano nelle esposizioni di bellezza. Ciò nonostante, non tutti giudici e allevatori interpretano lo standard nello stesso modo perché ciascuno ha la sua personale interpretazione, dipendente delle loro preparazioni, conoscenze ed esperienze della razza. Lo standard ci indica come dovrà essere un soggetto ideale di una razza. IL “modello ideale” però, è "illustrato" soltanto con delle parole e non con delle fotografie e dei disegni. E nel caso della razza Cairn l'interpretazione (e quindi la comprensione) dello standard si complica ancora di più poiché povero di parole, anche se decise. Di conseguenza, non avendo mai prima visto un esemplare della razza, è impossibile farsi un’idea del aspetto di un Cairn Terrier e quindi comprenderlo correttamente solo leggendo gli elementi identificativi dello standard. Perché lo standard possa prendere vita ed avere un significato, occorre anzitutto avere delle esperienze pratiche della razza, cioè avere visto e soprattutto "toccato" e "confrontato" tanti soggetti. Anche quello di “maturare” nella propria interpretazione dello standard vuole il suo tempo. Per interpretare lo standard nel miglior modo possibile e comprendere perché il cane è fatto in quella maniera, è anche necessario avere una vasta conoscenza della storia e della funzione originale della razza. Tutte le razze canine sono state selezionate per uno specifico scopo ed il Cairn è stato allevato per stanare gli animali selvatici nocivi in terreno impervio ed in ogni tipo di condizioni climatiche. Nel momento in cui si avrà ben chiaro nella mente per quale scopo è stato disegnato il Cairn Terrier, si comprenderà che ogni elemento specifico voluto dallo standard presenta un suo significato importante, e si avrà anche così una corretta base per apprezzare le peculiarità più fini della razza. Questi fattori non necessariamente contribuiscono alla bellezza, bensì tali caratteristiche sono richieste perché il cane possa fare il lavoro per qual è stato designato. Benché oggigiorno non alleviamo più cani da lavoro, ciò implica comunque tutti noi (allevatori e giudici) a ricordare che i Cairn erano originariamente cani da lavoro e per non perdere questi caratteristiche lavorativi, occorre conservare la funzione per qual è stato selezionato. Soltanto in questo modo possiamo mantenere la desiderata tipicità richiesta della razza. Presenterò qui l’attuale standard del Cairn Terrier, paragrafo per paragrafo, e riporterò commenti scaturiti dalla mia personale esperienza come pure dall'osservazione effettuata su Cairn d’allevamento europeo.Aspetto generale, caratteristiche e temperamento
Agile, attento, con l'apparenza naturale di un lavoratore. Dovrebbe essere ben piazzato sull’anteriore. Posteriore forte. Torace profondo, movimento molto sciolto. Mantello resistente alle intemperie. Dovrà colpire per la sua attività, il coraggio e la resistenza. D'indole impavida e allegra; determinato ma non aggressivo. Le parole chiavi sono temperamento, naturalezza e moderazione. L'indole allegra e vivace è una delle caratteristiche più peculiari della razza: un Cairn deve sempre essere pieno di gioia di vivere, altrimenti non può essere considerato un Cairn “vero”! È, quindi, molto importante durante il giudizio in esposizione dare il massimo peso ad un soggetto che si espone – e deve essergli permesso di esporsi – liberamente ed allegramente, senza alcun inutile handling. Il Cairn Terrier è stato principalmente selezionato ed impiegato per la caccia della lontra e l’ambiente originario della razza consisteva in un terreno roccioso, spesso con ammassi di pietre enormi, e richiedeva di conseguenza un terrier di costruzione snella, molto agile e flessibile, in grado di muoversi con un’andatura molto sciolta, proiettandosi ben in avanti con dei passi lunghi ed efficienti ed imprimere una forte spinta con il posteriore. Per fare in modo che fosse possibile spostarsi con elasticità ed avanzare con facilità e naturalezza su e giù per le colline rocciose senza alcuno sforzo era molto importante che il Cairn avesse una lunghezza di gambe tale da consentirgli una grande agilità. Non doveva essere troppo massiccio, troppo grande o troppo pesante. Purtroppo, oggigiorno, molti sostenitori sono attratti dal cairn “tozzo”, cioè pesante, compatto e con gli arti brevi che insieme ad altre caratteristiche quali una schiena troppo corta, l'ossatura pesante ed il torace a forma di botte sono dei difetti che compromettono la capacità lavorativa e la tipicità della razza. Secondo gli specialisti britannici, un tale Cairn è da considerarsi del tutto atipico e di conseguenza dovrà essere pesantemente penalizzato. Veniamo alla parola “moderazione”: un Cairn dovrà essere privo d’eccessi. È desiderato sì un torace profondo e piuttosto lungo, ma qui gli specialisti britannici ci fanno osservare che le dimensioni del torace di un Cairn Terrier non dovranno essere tali da farlo apparire pesante. Precisato ciò, si dovrà capire che i Cairn non sono dei Westie colorati perché non sono così larghi davanti e dietro e nemmeno possiedono una struttura ossea e una muscolatura tanto potente quanto lo Scottish. Quello di essere, fra l’altro, “too strong in body” (di corporatura troppo pesante), come dicono gli inglesi, è considerato un grave difetto e molto detestato dagli intenditori! Un Cairn Terrier invece, dovrà avere un aspetto sostanzialmente più elegante e più leggero delle razze in precedenza menzionate, un tronco leggermente più lungo e “plenty of daylight” (tanta luce sotto) e le gambe equilibrate al corpo tale da permetterli di compiere il proprio lavoro nel terreno roccioso sulle isole Scozzesi – immaginate un Cairn tozzo e pesante, con gambe corte e mancanza d’agilità di saltare e di lanciarsi sulle grandi rocce durante una caccia di lontra?!

TIPI DIVERSI: Il Cairn alla sinistra è tipico per la razza nelle sue proporzioni; ha lunghezza, altezza e abbastanza aria sotto. Quello in mezzo è troppo basso sugli arti e quello a destra è troppo compatto, ("cobby") cioè gli arti e la schiena sono troppo corti. Questo cane ha inoltre una testa troppo grande in relazione al suo tronco. Sufficiente altezza delle gambe non ha niente a vedere con la taglia – ci sono dei cairn piccoli con buone proporzioni e ci sono dei cairn grandi troppo bassi sugli arti. La lunghezza del pelo e il suo volume possono ingannare notevolmente sul soggetto. Un Cairn esposto con pelo abbondante e lungo potrà apparire pesante senza esserlo, e un soggetto troppo pesante può dare l'impressione essere corretto se esposto con un pelo corto e meno abbondante. Anche un soggetto troppo basso sugli arti potrà sembrare di possedere una buona altezza delle gambe se il pelo sotto l'addome è corto.

Il pelo anche è d’estrema importanza per l’aspetto generale. Un Cairn con pelo troppo corto o completamente trascurato non dovrà essere preferito. Non dovrà diventare uno svantaggio esporre un Cairn con pelo lungo ed un vantaggio esporre il cane con un pelo corto atipico.

Testa e Cranio
Quanto alla frase "l'aspetto naturale", si allude che non deve essere intesa come "incolto", ma semplicemente che non necessita di cure sofisticate in nessun caso desiderate. Testa piccola, ma proporzionata al corpo. Cranio largo con un netto solco fra gli occhi; stop ben marcato. Muso potente, mascella forte ma non lunga e pesanti. Tartufo nero. Testa ben guarnita di pelo. L'espressione e la testa sono molto importanti. Sono tanti che confondono la testa del Cairn con quella del Westie, criticandola se piccola anche se in giusto rapporto con il tronco. Chi afferma che la testa deve essere piccola ma in proporzione al corpo, allude alle dimensioni della testa degli altri Terrier, per esempio il Westie e lo Scottish. La testa di questa razza, di fatto, non dovrà essere sproporzionata al corpo, dando un'impressione massiccia, che purtroppo si vede troppo spesso. Trattandosi pur sempre di un Terrier da caccia, è di grande importanza che non si presenti troppo piccola perché in tal caso si perderà completamente una caratteristica terrier e si evidenzierà una rotonda “Apple Head” come nei cani nani, con uno stop troppo profondo e pronunciato. Questo è un difetto perché conferirà al soggetto un’espressione troppo dolce. Un muso potente è importante per dare spazio a denti grandi e mascelle forti, senza peròdiventare troppo lungo o pesante. Uno stop ben evidente è importante perché conferisce alla razza quell’espressione "sfacciata" tanto ricercata dagli appassionati: è più marcato che nello Scottish, ma meno evidente che nel Westie. La testa dovrà essere ben guarnita di pelo. Deve però essere in proporzione al pelo sul resto del corpo. Pelo corto sul corpo e tanto pelo sulla testa è scorretto..

Bocca
Denti grandi. Mascelle forti con una perfetta, regolare e completa chiusura a forbice: gli incisivi superiori sono ben appoggiati agli inferiori e sono impiantati perpendicolarmente nelle mascelle. La chiusura non consiste soltanto dei denti bianchi, forti e ben allineati, ma anche delle mascelle, le quale dovranno essere ben sviluppate. Purtroppo ancora oggi si vedono dei Cairn con dei denti piccoli e una mandibola insufficientemente larga e piena. Una mascella non forte e dei denti piccoli sono dei difetti molto gravi per un cane nato per la caccia.La dentatura completa nel cane è di 42 denti. I premolari non sempre sono completi in questi piccoli cani e personalmente non penso che sia tanto grave se manchi uno o due, importante è che ci sia una corretta e completa chiusura a forbici.Con dei premolari mancanti, un Cairn Terrier potrà ancora vincere in un’esposizione, purché si tratti di un animale eccellente. Vorrei fare presente che gli allevatori inglesi, responsabili della revisione del nuovo standard eseguito nel 1982,con la frase chiusura corretta e completa intendono che il Cairn dovrà avere tutti i sei incisivi superiori e tutti i sei inferiori.

Orecchie
Piccole, appuntite, ben portate ed erette; collocate non troppo vicine, né troppo ricoperte di pelo.L’attaccatura delle orecchie è molto importante ai fini della giusta larghezza del cranio, perché se scorrettamente piazzate contribuiscono a falsarne le proporzioni, e quindi anche l’espressione. Le orecchie del Cairn non dovranno essere situate così divaricate come nel Westie, o in alto sulla testa come nello Scottish.

Ben attaccate e correttamente portate     Portate divaricate    Attaccate troppo vicino

Occhi
Piazzati distanti, di grandezza media, colore nocciola scuro. Leggermente infossati, con sopracciglia folte.Gli occhi sono importanti per l’espressione del cairn. Piazzati troppo vicino, troppo piccoli o troppo grandi e prominenti non sono desiderati. Perché sia presente quell’espressione viva ed intelligente non solo è necessario che gli occhi siano di grandezza media e sufficientemente infossati ma anche che siano inseriti distanti in un cranio di giuste proporzioni. Un cranio stretto denuncia una testa lunga con occhi piazzati troppo vicini e di conseguenza attribuisce al soggetto un’espressione atipica. Il colore giusto degli occhi è nocciola scuro e non il più nero possibile. Una particolarità questa, purtroppo non nota a tutti, giudici e allevatori compresi.

Tronco
Dorso diritto di media lunghezza. Costole profonde e ben cerchiate; rene forte ed elastico. La lunghezza della schiena dovrà essere in proporzione all’altezza del garrese del cane, e la linea dorsale rettilinea, forte e muscolosa. Occorre ricordarsi che una schiena troppo corta denota una mancanza di tipicità e che a un tale Cairn è impedito di lavorare correttamente in quanto ostacolato nella sua mobilità e agilità. Una schiena troppo lunga ne diminuisce la forza e il vigore. IL torace dovrà essere profondo ed abbastanza lungo senza però essere pesante. La  cassa toracica di un Cairn, vista frontalmente, ha la sagoma di un cuore e questa deve essere situata tra gli arti anteriori, e non sugli arti. Sono purtroppo tanti i Cairn con una cassa toracica a forma di “botte”. Faccio pertanto notare che l'espressione “costole ben cerchiate” non è assolutamente da intendersi come torace "a botte" dato che una tale conformazione sarebbe poco funzionale in un Terrier costretto a spingersi nelle strette fenditure rocciose, i quale imbocchi sono spesso molto limitati. Per essere flessibili, è importante che i lombi del Cairn siano forti e sufficientemente lunghi, (e non il più corto possibile come in alcuni altri Terrier!) dato che un rene delle dimensioni insufficienti diminuirebbe la forza della schiena.

ANTERIORI:  Nr.1) ha un anteriore  corretto; piedi leggermente  mancini e  la  desiderata forma del torace. Nr. 2)  ha un torace troppo rotondo e largo, che dà gomiti scollati. Nr.
3)  ha un torace troppo sottile e poco profondo.  Nr. 4)  presenta  un  anteriore  con arti storti, ma la forma del torace è corretta.

Anteriore
Spalle inclinate, arti di media lunghezza con buona ossatura, ma non troppo pesante. Arti anteriori mai scolati ai gomiti. Zampe ricoperte di pelo ruvido.
Vorrei fare notare ancora una volta che il Cairn non è basso sugli arti, né possiede la stessa struttura dello Scottish e del Westie, di conseguenza l’ossatura, seppur possente, non dovrà essere robusta tale da far apparire il soggetto troppo pesante. Una bella scapola ben inclinata ed un omero non corto sono molto importanti per il movimento. La precisione del movimento anteriore è legato alla spalla, dato che soltanto una scapola con relativo omero giustamente angolati e perfettamente posizionati consentono un movimento anteriore sciolto e armonioso con passo lungo. Un problema attuale è la mancanza di un omero corretto, troppo spesso corto o scarsamente angolato. Questo tipo di costruzione dell'anteriore, insieme con una spalla dritta, è spesso causa di un passo anteriore rigido, breve e dispendioso d’energia. La conformazione di questa regione non dovrà presentare una muscolatura eccessivamente forte, perché ciò è considerato un difetto molto grave nel Cairn Terrier. Gli specialisti trovano semplicemente disgustoso le “overloaded shoulders” (spalle sovraccaricate/pesanti)! Non solo è importante che il cane abbia la corretta sagoma della cassa toracica per consentire ai gomiti di essere ben aderenti al tronco, ma è altresì essenziale che la muscolatura sia forte e tonificata affinché questi non si presentino scollati. Qualora il torace fosse troppo rotondo, i gomiti appariranno discostati dal tronco, dando sovente l’impressione di vedere un’anteriore abnormemente largo, cosa altrettanto difettosa in un Terrier da lavoro.

Posteriore
Cosce molto forti e muscolosi. Buona, ma non eccessiva, flessione del ginocchio. Garretti ben corti, non rivolti né in dentro né in fuori, quando visti posteriormente. Questa parte del corpo è d’importanza vitale in un trottatore che lavora su un terreno accidentato perché rappresenta la sua "motrice”. Perché questo cane possa arrampicarsi, correre e saltare efficacemente sui pendii rocciosi è fondamentale che il posteriore sia potente, moderatamente angolato e costituito da cosce forti e muscolose. Si desidera una buona ma non eccessiva flessione del ginocchio al fine di un corretto movimento. Sono purtroppo molto frequenti i Cairn mal angolati. Un posteriore poco angolato, insieme con una groppa mal inclinata, impedisce al cane di imprimere una forte spinta come richiesto dello standard. Quello di vedere dei Cairn con dei tali posteriori è purtroppo un problema alquanto frequente. Comunemente sì dice che un soggetto con tale costruzione si presenta “sotto di se”, di conseguenza si muove con dei passi brevi e rigidi. Questi soggetti appaino spesso "over build" (più alti dietro) e in movimento piazzano gli arti sotto il corpo. Non possono coprire terreno. Per mantenere l'equilibro dell'anteriore hanno chiaramente bisogno di fare più passi per coprire la stessa distanza. In questo modo aumenta la frequenza dei passi. L'inesperto crederà che si tratti di un bel movimento, ma questi passi da "macchina per cucire" sono soltanto una perdita d'energia.


Il cane a sinistra possiede la desiderata inclinazione della spalla e l’angolatura ideale. Il cane alla destra ha una spalla troppo ripida e angolo troppo aperto verso l’omero. Notare la differenza nell’allungo, e anche che il cane alla destra ”tira su” il collo per compensare l’errata posizione della spalla. L’alternativa sarebbe un collo portato basso. I disegni nr. 1 e 2 dimostrano una corretta angolazione ma 1)ha garretti bassi e 2) alti. Nr 3) dimostra un posteriore con una groppa discesa e angolatura troppo dritta nel ginocchio e garretto. Notare che questo cane è sotto di sé. In movimento è uguale, il cane si muove sotto con passi brevi e rigidi.

Collo
Ben inserito, non corto. Il collo non dovrà essere corto, ma ciò non significa che dovrà essere sproporzionatamente lungo. Attaccato pesantemente, portato diritto in avanti o il collo cosiddetto “collo da cervo” non è desiderabile. Si vedono più spesso dei colli troppo corti, difetto questo normalmente causato da una scapola poco inclinata. Come sempre nel Cairn Terrier, In medio stat virtus..

Piedi
Piedi anteriori più grandi dei posteriori, possono essere leggermente rivolti all'infuori. Cuscinetti plantari spessi e forti. Sono indesiderabili i piedi allungati, stretti, piatti e le unghie lunghe. La conformazione dei piedi anteriori del Cairn possiede un elemento di tipicità purtroppo non nota a tutti i giudici: possono essere leggermente mancini. Pertanto, poiché non costituisce un difetto avere i piedi leggermente deviati all'esterno, ciò non dovrà nemmeno essere penalizzato in sede di giudizio (purché l'arto sia comunque in appiombo). Un Cairn dovrà avere il piede cosiddetto "da gatto"; questo dovrà apparire ben raccolto e compatto,con cuscinetti plantari forti e spessi. Purtroppo non sempre viene data sufficente importanza ai cuscinetti plantari, invece è molto importante che il piede sia ben "imbottito" in quanto questo permette al cane di arrampicarsi sul terreno accidentato e sulle rocce.

Coda
Corta, bilanciata, ben fornita di pelo, ma senza frange. Inserita né alta né bassa, è portata allegramente, ma mai ripiegata sul dorso. Anche la coda, piuttosto corta e simile ad una carota rovesciata quando ben fornita di pelo, ha la sua importanza: con la coda il Cairn esprime il suo stato d'animo passando da un portamento allegro e scodinzolante quando si muove; da un portamento orizzontale quando è rilassato ad un portamento "a candela" quando è al massimo dell'attenzione. Un soggetto che porta la coda in basso avrà un aspetto annoiato e indolente, venendo a mancare completamente quell’aria arrogante tanto desiderata di “ecco mi qua ragazzi”.La corretta attaccatura della coda spesso è un problema. Spesso si vedono dei Cairn con una coda attaccata troppo in basso. Questo è spesso dovuto ad una groppa troppo corta e mal inclinata. Le code attaccate troppo in alto sono invece molto rare.

Le code 1 –4 sono correttamente portate ma attaccate diversamente. 1) è attaccata troppo in alto. 2) considerata corretta per il cairn. 3) attaccata troppo in basso. 4) ha una groppa troppo discesa e coda attaccata in basso. I disegni 6—7 dimostrano code correttamente attaccate ma scorrettamente portate. (5 – 6) sono portate troppo in basso, mentre 7) è troppo allegra (ripiegata sul dorso).

Andatura e movimento
Passo molto sciolto e fluente. Gli arti anteriori si proiettano bene in avanti. I posteriori danno una forte spinta. I garretti non sono né troppo vicini né troppo divaricati. Ogni particolare delo standard del Cairn è legato al movimento. Conseguentemente, occorre dare una particolare attenzione ad esso durante il giudizio. E' fondamentale valutare accuratamente il movimento visto lateralmente per avere un quadro completo del soggetto, e non dare soltanto importanza al movimento frontale. Il movimento migliore è quello libero e sciolto, quasi fluente sul terreno. O come disse Tom Horner: " Il Cairn dovrà avere “enough clearance”. Vale a dire, come se durante il cammino non incontrasse nesssun ostacolo. Sfortunatamente, non sono tanti i Cairn che presentano quest’eccellente movimento.Per quanto concerne la larghezza del posteriore in movimento, posso solo associarmi a quanto scrive la specialista svedese Maud Montgomery-Bjurhult del kennel Sarimont: ”…occorre ricordarsi che il Cairn Terrier èdi costruzione proporzionalmente meno larga dello Scottish e del Westie, e non si può esigere che il cane debba muoversi più largo di quanto è costruito”. Personalmente non trovo sia tanto grave se il cane stringe dietro (purché i garretti siano paralleli e non divaricati), perché la funzione è la stessa. Penso, invece, che sia molto più grave con un soggetto “sotto di se” e privo d’azione perché ostacolato a compiere una lunga giornata di duro lavoro in terreno faticoso, come richiesto per la razza .

Mantello
È molto importante. Resistente alle intemperie. Deve essere doppio: il pelo di copertura abbondante, duro, ma non grossolano; il sottopelo è corto, soffice e denso. I mantelli non compatti sono indesiderati. È permessa una leggera ondulazione. Per un Terrier da lavoro nativo nelle Highland, la qualità della tessitura del mantello costituisce un elemento fondamentale. Perché il cane possa resistere a pioggia, intemperie, neve oltre che a qualche morso dagli animali nocivi e dalle spine dei rovi, la sua tessitura dovrà presentare un pelo di copertura abbondante e ruvido, con un sottopelo corto, denso e soffice. La qualità della tessitura dei Cairn italiani oggigiorno è buona, anche se delle volte si vede qualche soggetto con un mantello un po’ troppo soffice, e anche questo costituisce ovviamente un difetto.

Colore
Crema, grano, rosso, grigio o quasi nero. La brizzolatura in tutti questi colori è ammessa. Non deve essere completamente nero o bianco o nero focato. Sfumature scure su orecchie e muso sono molto tipici.
IL Cairn Terrier può avere tutti i colori fuorché completamente nero, bianco e “black and tan”, ossia nero –focato. Non esiste nessun regola riguardante il colore nell’allevamento di questa razza. Posso raccontare che ho conosciuto una femmina di colore rosso, la quale è stata accoppiata ad un maschio quasi nero, dare alla luce dei cuccioli con diverse sfumature di colori, di cui una figlia di colore crema. Lo stesso ho potuto verificare dall’accoppiamento fra due Cairn brindle scuro, e anche tra un maschio rosso ed una femmina brindle scura, i quali hanno dato dei figli tutti di colore grano. Ma ho anche visto la prole nata fra due soggetti di colore grano, i quali erano tutti di colore crema o grano. Leggendo queste parole si capisce quindi che non ha senso chiedere all’allevatore quale colore alleva, perché la risposta potrà essere soltanto una: tutti quelli consentiti dello standard!

Taglia
Approssimativamente cm.28 – 31 al garrese, ma in proporzione al peso – idealmente kg.6 – 7,5. Le misure della taglia sono indicate come approssimativamente. La mia personale interpretazione per quanto riguarda quest’espressione è che un Cairn può differenziare molto nella taglia: purché mantenga le proporzioni e l’equilibrio tra taglia e massa. Proporzioni ed equilibrio tra taglia e massa è, di fatto, la cosa più importante per l’aspetto generale. È da notare come il peso sia relativamente piccolo in proporzione all’altezza del garrese. A rischio di apparire ripetitiva, metterò in risalto ancora una volta che il Cairn non è costruito sulle stesse linee del Westie e dello Scottish, e per farmi meglio capire farò dei confronti con gli standard di queste tre razze Terrier di taglia piccola: il West Highland White Terrier, che è di struttura più forte e robusta del Cairn, dovrà avere, secondo lo standard, un’altezza al garrese di circa cm. 28; lo standard dello Scottish invece, indica che un soggetto di questa razza con un’altezza al garrese di cm. 28 dovrà pesare circa Kg. 10,5. Un Cairn con un’altezza al garrese di cm. 28 dovrà pesare circa Kg. 6, sempre secondo lo standard. Si tratta quindi di un’enorme differenza nella costruzione e nella massa, e si dovrà in conseguenza di ciò capire ancora meglio la frase nel vecchio standard che dice: ”Agli effetti di mantenere questa razza entro il suo migliore e antico tipo da lavoro, qualsiasi rassomiglianza con lo Scottish Terrier deve essere considerata un difetto”. Troppo frequentemente si vede premiare dei soggetti giovani con la stessa massa di un Cairn già adulto e maturo, e vedere criticati altri perché "sgangherati" e non sviluppati. L’esperienza dimostra che lo sviluppo del Cairn è lento e se da giovane può competere molto bene, per quanto riguarda la massa, con altri soggetti della razza già adulti, in seguito diventa troppo massiccio e pesante. Anche questo è un difetto. Anche l’impronta del sesso è importante, e va precisato che nel Cairn la taglia non è indicativa del dimorfismo sessuale. Un maschio può benissimo essere di taglia piccola, fondamentale è che esprima mascolinità, birbanteria e fierezza. Un maschio Cairn che necessita di handling alle esposizioni non è un “vero” maschio, secondo me! Naturalmente anche una femmina grande può senza dubbio essere molto femminile, a patto che anch’essa esprima appieno le caratteristiche del proprio sesso. Una femmina, tuttavia, non dovrà avere né la stessa muscolatura forte di un maschio, né una testa tanto potente e piena quanto il suo sesso opposto.

Difetti
Tutto ciò che si discosta dai punti sopra citati deve essere considerato un difetto, la cui rilevanza è direttamente proporzionata alla sua gravità Note I maschi devono avere due testicoli di aspetto normale, completamente discesi nello scroto.

Riflessioni sulla selezione Cairn Terrier
Lo Standard rileva chiaramente il significato del movimento, la forza dell’anteriore e del posteriore e il temperamento corretto.Tutte le restanti caratteristiche sono descritte senza enfasi. Benché la razza in Italia sia allevata su scala minore e la base genetica italiana non è molto vasta, la qualità dei nostri Cairn oggigiorno è molto buona. Tuttavia, poiché le linee di sangue e gli stalloni veramente eccellenti non sono tanti, occorre, a mio avviso, pur sempre fare delle importazioni oculate (e accoppiamenti più attenti) per migliorare e stabilire ancora di più il Cairn Terrier nel nostro paese. Detto tutto ciò, mi domando tuttavia: riuscirà il Cairn Terrier ad evolversi correttamente anche in Italia? Certamente si, a condizione di una mirata selezione della razza.

 

FACEBOOK



Condividici sui Social

Instagram

Instagram

BANNER

 

Vuoi inserire il tuo banner?

CONTATTACI