Stampa

Capo branco - equilibrato

Posted in Problemi Comportamentali

Assunte come valide le considerazioni con cui si è introdotto l'argomento del capo branco dominante, ricordiamo che gli interventi possono differire in ragione del carattere del cane:
• dominante
equilibrato
• sottomesso
• cucciolo

Atteggiamenti che evidenziano un soggetto equilibrato capo branco:
• saltare addosso, per salutare il padrone che torna, tentando di leccare il viso. Va ricordato che questo atteggiamento è tipico del cucciolo in attesa della mamma che porta l'alimento nella tana. Leccando i lati della bocca, stimola il rigurgito della madre che fornirà l'alimento predigerito al cucciolo.
• prestare attenzione ai richiami del padrone, anche con risposte che possono sembrare ritardate.
• accettare la supremazia del padrone ma mettendola qualche volta in discussione innescando un equilibrato conflitto sociale
• giocare energicamente e, pur combattendo, accettare anche di perdere
• proporre spesso il gioco al fine di misurarsi, sportivamente, con gli altri
• giocare anche da solo accettando l'eventuale partecipazione altrui
• trattenere gli oggetti tra le fauci contendendoli con tenacia
• abbaiare per ottenere accettando l'eventuale rifiuto, senza insistere più di tanto
• grattare le porte per farsi aprire, al fine di restare con il gruppo sociale
• contenuta aggressività nei confronti degli altri animali della famiglia
• seguire o anticipare il padrone nell'entrare in ambienti nuovi
• seguire il padrone nello svoltare gli angoli delle strade
• collaborare con il padrone nella difesa del territorio e del gruppo
• frequentare volentieri ambienti sconosciuti coalizzandosi con il padrone
• condividere ogni momento con il padrone e la famiglia

Interventi correttivi:
• intraprendi un ciclo educativo (seduto - seduto fermo - condotta al guinzaglio)
• non farti saltare addosso
• se capita, incrocia il suo sguardo e mantienilo per qualche secondo; non appena abbassa gli occhi o tende ad allontanarsi, richiamalo e rassicuralo
• se ti segue cercando la tua compagnia troppo spesso, qualche volta invitalo ad allontanarsi
• se si isola socialmente, raggiungilo e invitalo a seguirti
• entrando o uscendo dagli ambienti, non lasciarti mai precedere, se accadesse torna indietro facendoci seguire
• non concedere mai quando chiede, concedi solo se non chiede, meglio se non se l'aspetta. Nel caso le richieste fossero legittime, rispondi prontamente.
• se devi andare nella sua direzione, fallo venire da te, premialo quando ti raggiunge, insieme proseguite nella direzione scelta. Lo scopo è di non permettergli di pensare che abbandoni la tua posizione per andare da lui.
• qualche volta accetta di giocare se è lui a proporre il gioco
• proponi tu il gioco e, qualche volta, lascialo vincere ( es: la pallina )
• interrompi il gioco quando è ancora in corso e, allontanandoti lasciandogli l'eventuale oggetto conteso
• maneggia i suoi giochi, non deve pensare che siano di sua esclusiva proprietà
• quando gioca da solo, intervieni continuando insieme
• se non è indispensabile cambiare, lascia costante l'ora dei pasti
• all'ora dei pasti
o prima di posare la ciotola a terra, dagli il comando seduto fermo
o il comando va dato una sola volta, se non ubbidisce, allontanati con la ciotola, senza parlare o guardarlo, e torna solo dopo alcuni minuti.
o posa la ciotola a terra
 se si muove, raccogli la ciotola e ridai il comando seduto fermo
 al terzo tentativo, allontanati con la ciotola, senza parlare o guardarlo, e torna dopo qualche minuto
o mettiti dritto senza parlare o incrociare il suo sguardo
 se si muove, raccogli la ciotola e ridai il comando seduto fermo
 al terzo tentativo, allontanati con la ciotola, senza parlare o guardarlo, e torna dopo qualche minuto
o se si siede, aspetta qualche secondo poi dai un segnale che lo autorizzi a mangiare
o complimentati oralmente se l'esercizio è stato eseguito correttamente
o allontanati soddisfatto
• a fine pasto, anche se non ha consumato tutta la razione fornita, pulisci la ciotola e rimettila in posizione vuota e pulita. Se avesse il cibo a disposizione, potrebbe credere di essere il leader del gruppo.
• in presenza di estranei fallo sedere, accarezzalo e appoggia la tua gamba al suo corpo, lo scopo è quello di simulare una protezione nei sui confronti, come se avessi la situazione sotto controllo
• in accordo con coloro che incontri, appoggia una mano sulla loro spalla e, nel congedarvi, rimani fermo in attesa che si allontanino

Conclusioni:
dobbiamo dimostrare di essere più forti, ma anche disponibili a condividere con lui i compiti per la difesa del gruppo. Dobbiamo rispettare il suo ruolo facendolo sentire importante anche se non è il leader, solo se si sente appagato e rispettato accetterà la tua guida rispettandoti a sua volta. Ricorda che ogni cane in fondo ha bisogno di protezione ed è compito tuo metterlo in condizioni di sentirsi protetto senza essere oppresso. Un buon capo branco è attento e premuroso ma, nel contempo, severo ed intransigente.

Fonte: dallapartedelcane.it

FACEBOOK



Condividici sui Social

Instagram

Instagram

BANNER

 

Vuoi inserire il tuo banner?

CONTATTACI