Stampa

L'alimentazione del cane sportivo

Posted in Alimentazione

 

Non è facile determinare il dispendio energetico del cane che pratica attività sportiva, anche perché esso dipende dalla continuità dello sforzo, se è continuo, quotidiano o episodico,se si tratta di un cane da sport o da lavoro specifico.
Il lavoro muscolare provoca un grande consumo di energie, che varia in base alla razza, al lavoro, alle condizioni climatiche in cui viene svolto. Non si può quindi generalizzare.
Un Levriero da corsa , il cui sforzo è intenso ma breve, avrà bisogno di elementi in grado si liberare energia prontamente utilizzabile (zuccheri). Il cane da caccia o da slitta, il cui sforzo è prolungato, ha bisogno di alimenti che gli forniscano un'energia immagazzinabile (grassi).
Il fabbisogno proteico invece, varia poco con l'attività muscolare, a meno che l'animale non rientri al lavoro o all'allenamento dopo un periodo di stasi ed abbia quindi bisogno di "ristrutturare parte della massa muscolare.
Anche in questo caso esistono in commercio prodotti studiati e bilanciati in maniera specifica per le varie attività.
Nel cane da caccia che lavora in maniera prolungata, può verificarsi un' isteria, che è l'equivalente della "crisi di fame" dell'uomo sportivo,e corrisponde ad un esaurimento delle riserve energetiche del fegato. Ciò si verifica quando regimi ricchi di glucidi (pane e cereali cotti) sono somministrati in modo continuo e non viene effettuato un corretto allenamento preliminare. In questo caso bisogna dare subito al cane zollette di zucchero. Per prevenire questo disturbo,nelle ore precedenti lo sforzo l'animale dovrà assumere zuccheri a lento rilascio energetico o alimenti grassi, e facendolo bere prima dello sforzo.

fonte: www.parliamodicani.it

FACEBOOK



Condividici sui Social

Instagram

Instagram

BANNER

 

Vuoi inserire il tuo banner?

CONTATTACI